I pilastri dell’azienda

“Il profitto è il risultato dello sviluppo delle persone” (Tom Peters)

Che cosa definisce un’azienda? La ragione sociale, il profitto, l’organigramma, l’attività economica, i rapporti contrattuali, il brand?

Sono tutti elementi importanti, certo, ma un’organizzazione durevole si basa in realtà sui valori, intesi come i principi di fondo che guidano le singole scelte aziendali. I valori forniscono criteri su cosa è opportuno perseguire e guidano il comportamento dell’azienda e delle persone che ne fanno parte, perché risultano davvero importanti per chiunque lavori all’interno dell’azienda.
È ormai dimostrato che le aziende che godono di un successo duraturo hanno valori che rimangono fissi, mentre le loro strategie e le loro prassi si adattano incessantemente ad un mondo in continuo cambiamento. Se non facciamo chiarezza su quello che più conta per noi e per la nostra azienda, allora come possiamo aspettarci di prendere decisioni efficaci?

Facciamo alcuni esempi: Disney significa immaginazione, fantasia e moralità, Ikea innovazione e semplicità, McDonald qualità, servizio e pulizia. Sono i punti fissi a partire dai quali si sviluppano la mission, la vision e tutta la strategia delle aziende nominate.

A partire dai valori si crea la motivazione delle persone che fanno parte dell’azienda, perché forniscono un’identità forte e riconoscibile e quindi danno al personale la consapevolezza di condividere non solo un luogo di lavoro o degli obiettivi, ma qualcosa che va oltre il ruolo o la job description.

Non basta scrivere un elenco sulla carta.

Quante volte vi sarà capitato di entrare in un’azienda e trovare i valori aziendali esposti orgogliosamente sulla parete della reception, affermazioni molto ispirate come “mettiamo i clienti al primo posto” o “le nostre persone sono il nostro bene più prezioso”?

I valori sono parole vaghe e hanno ben poco senso se non si declinano nella pratica, perché è proprio nelle azioni quotidiane che vengono percepiti e resi propri da tutti i lavoratori. La condivisione dei valori è uno degli ingredienti principali del benessere organizzativo in un’azienda. E numerose ricerche nel campo delle neuroscienze hanno da tempo assodato che esiste una diretta correlazione tra collaboratori soddisfatti ed elevate performance professionali. Avere personale coinvolto e soddisfatto conviene! Ecco il motivo della citazione all’inizio del post: un’azienda non interessata ai valori e alla crescita del proprio personale non potrà comunicare efficacemente con esso: di conseguenza non ci saranno motivazione e coinvolgimento e non arriverà nemmeno il tanto agognato profitto, che magari era in cima alla lista degli obiettivi.

Cosa fare dunque concretamente per individuare e i valori aziendali, far sì che vengano condivisi e fare in modo che aumentino il benessere aziendale e di conseguenza il profitto?

Ecco brevi e sintetici suggerimenti per semplificare un compito importante e delicato:

  • Selezione: scegliere i valori su cui puntare: pochi ma buoni
  • Impegno: tutti, a partire dai manager, devono fare qualcosa di concreto affinchè i valori scelti siano davvero rispettati e condivisi
  • Abitudine: adottare buone pratiche e comportamenti in ogni attività, in modo da farli diventare buone abitudini
  • Struttura: l’azienda deve adottare una struttura coerente con i valori scelti, che ne faciliti l’implementazione
  • Responsabilità: tutti si devono sentire responsabili nell’agire in modo coerente con i valori
  • Capacità: a tutti deve essere offerta adeguata formazione perché abbiano una corretta comprensione e le competenze necessarie per implementare i valori scelti

Come scegliere i valori?

È il punto cruciale di tutti i suggerimenti. Si può partire ad esempio da brainstorming guidati per capire che cosa è importante per il singolo e che cosa invece lo è per l’azienda: l’obiettivo è proprio quello di identificare un denominatore comune. Chiarire cosa muove gli individui e cosa l’azienda e renderlo esplicito significa trovare le idee che sono alla base dell’operato degli uni e dell’altra. Se queste idee vengono condivise e messe alla base dell’organizzazione aziendale, soddisfazione e motivazione non mancheranno e con esse il profitto.

 

 

Scrivi tu il primo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.

X