Il marketing per il team

Quando penso all’azienda ideale immagino un luogo nel quale entrando non si percepisca il dualismo tra le parti che compongono i diversi team. Un luogo nel quale la collaborazione regni sovrana, in cui i leader siano davvero tali, e non soffrano di scarsa autostima che sfocia nei peggiori comportamenti possibili, e i collaboratori diano il meglio per il conseguimento degli obiettivi comuni.

Purtroppo so bene che non è esattamente così che accade, anzi molto spesso le dinamiche quotidiane fanno sì che si creino fazioni e ognuna delle parti si senta un passo avanti rispetto all’altra e detentrice della capacità assoluta di vedere le cose dalla giusta prospettiva.E questo avviene per diversi motivi, uno fra tutti perché è più facile osservare “l’altro” con spiccato spirito critico. Vero anche, però, che quando tutto questo viene incanalato in un dialogo empatico e costruttivo, l’interscambio diventa arricchente… perfino quando mettiamo l’uno di fronte all’altro un manager irritato dai modi e dall’operato del proprio team e un dipendente frustrato per via delle dinamiche aziendali e del rapporto con il capo.

E nel riflettere sull’apparente inconciliabilità di questi punti di vista ho trovato uno spunto interessante in Seth Godin che nel suo ultimo libro Questo è il Marketing dimostra quanto oggi il marketing efficace si basi su empatia e fiducia. “Lo sfruttamento utilitaristico delle masse non funziona più. Il marketing – spiega Godin – ha molto poco a che fare con l’alzare la voce, il cercare di convincere con insistenza o con coercizione. È l’opportunità di servire. È alla ricerca di volontari non di vittime. Il marketing è l’atto generoso di aiutare gli altri a diventare ciò che cercano di diventare”.

E ancora: “Tutto è marketing. Anche il coordinamento di un team o la comunicazione con il tuo staff”.

Marketing e leadership: qual è il nesso?

Sappiamo bene che il mondo del marketing negli ultimi anni ha subito una vera e propria rivoluzione, oggi chi vende di più non è chi “urla” più forte le proprie qualità, ma chi ascolta di più e traduce in opportunità i bisogni del proprio potenziale cliente.

Il marketing è la nostra ricerca per realizzare il cambiamento per conto di coloro che serviamo e lo facciamo capendo le forze irrazionali che guidano ognuno di noi”. Stesso principio vale per la leadership.

Ed ecco che diventa chiaro quanto l’approccio sanzionatorio non possa funzionare: mette le persone sulla difensiva, genere ansia, induce costantemente all’errore e, cosa ancor più grave, fa sì che le persone associno il cambiamento a una minaccia e non a un’occasione migliorativa. Ancora una volta la chiave ce la offre la vision comune capace di ispirare le persone ogni giorno e offrire loro un motivo per affrontare anche le difficoltà più grandi e i periodi peggiori. Una vision capace di innescare processi di cambiamento.

La domanda guida, nel marketing come nella leadership, è sempre la stessa: a chi serve quello che faccio?

Scrivi tu il primo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.

X

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per dare il tuo consenso al loro utilizzo, clicca l'apposito bottone. Se vuoi approfondire, puoi visitare la pagina dedicata per capirne di più. Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi