IL VIAGGIO DELL’EROE: l’applicazione in azienda

Il viaggio dell’eroe è un modello codificato da Christopher Vogler sulla base degli studi di John Campbell che aiuta a strutturare e generare infinite storie. Secondo Vogler, ogni narrazione ha una struttura semplice: un eroe attraversa una serie di difficoltà da cui emerge trasformato o con una ricompensa: si tratta fondamentalmente di una storia di trasformazione. Come può essere utile in un’azienda una teoria nata nell’ambito degli studi sui miti e sugli archetipi e che poi ha aiutato scrittori e sceneggiatori a comporre le loro narrazioni?

LO STORYTELLING

Innanzitutto lo schema di Vogler è interessante in azienda perché è particolarmente efficace nella comunicazione. In effetti, quando si vogliono convincere le persone a comprare il nostro prodotto, comportarsi in modo diverso o adottare una nuova procedura risulta migliore un metodo basato sulla narrazione secondo il viaggio dell’eroe perché fa risuonare schemi psicologici universali e innati nell’essere umano. Chi è l’eroe che compie il viaggio? In realtà è il pubblico, che deve cambiare o accettare una nuova visione o un nuovo prodotto e cambiare costa fatica. Il viaggio richiederà sicuramente un impegno, ma c’è la promessa di un futuro migliore: le cose andranno meglio perché il pubblico avrà dei vantaggi e risolverà i problemi attuali. Se accetterà di “partire” e adottare la prospettiva di chi propone la novità, tornerà trasformato e il suo mondo raggiungerà un nuovo livello, più elevato e migliore.

 

GLI ARCHETIPI DEL VIAGGIO IN AZIENDA

Il viaggio dell’eroe prevede alcuni archetipi fondamentali, che possono essere riconosciuti nei propri soci, colleghi o collaboratori:

  • il mentore: colui che guida l’eroe, lo istruisce, lo convince a proseguire nell’impresa e gli pone davanti delle prove da superare per allenarlo. Potremmo ritrovarlo in un capo brillante oppure in un collega più senior
  • il guardiano della soglia: colui che mette alla prova l’eroe, testandone la volontà, la forza e la resilienza. Potrebbe apparire come un nemico, ma in realtà è un passaggio obbligato verso la sua crescita. Qualunque collega o superiore che ci affidi compiti difficili o difficoltà da risolvere potrebbe essere visto non come una persona ostile ma come qualcuno che ci sta facendo progredire
  • il messaggero: colui che annuncia l’inizio di una nuova avventura. Potrebbe essere un capo che ci coinvolge in un nuovo progetto o un fornitore che richiede una modifica
  • l’antagonista: colui che mette definitivamente l’eroe in pericolo. Vogler in realtà suggerisce che anche gli antagonisti più perfidi abbiano un loro viaggio e suggerisce di vedere la storia anche dal loro punto di vista. La maggior parte delle volte gli antagonisti siamo noi stessi, quando ci facciamo prendere dalla paura, dall’ansia o ci autosabotiamo.

Non bisogna dimenticare che il viaggio dell’eroe non è solo applicabile alle persone ma anche alle aziende stesse: il concetto di “chiamata” ad esempio è facilmente assimilabile alla mission o vision che il team o l’organizzazione stanno perseguendo. Anche le aziende hanno continui cicli, in cui magari la loro mission cambia o si evolve e il viaggio ricomincia di conseguenza.

 

Scrivi tu il primo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.

X

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per dare il tuo consenso al loro utilizzo, clicca l'apposito bottone. Se vuoi approfondire, puoi visitare la pagina dedicata per capirne di più. Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi